mercoledì 24 febbraio 2010

Urna itinerante di S. Teresa di Lisieux


Sancta Teresia a Iesu Infante, ora pro nobis!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

E' sempre un momento di grazia sostare in preghiera dinanzia all'Urna reliquiario di Santa Teresa del Bambin Gesù e del Volto Santo. Tuttavia tanti, molti pensieri suscitano nei devoti che si accostano all'Urna con vero amore: la realtà odierna del Carmelo Teresiano. Il Carmelo di Lisieux, per quanti lo hanno visitato, non si riconosce più, la clausura monastica pensata dalla grande Teresa d'Avila non esiste più e la stessa cosa è accaduta per altri Carmeli in terra di Francia. La domanda è come si è giunti ad una tale radicale modernizzazione della vita carmelitana teresiana. Attualmente i Carmeli femminili hanno la possibilità di scegliere tra due Costituzioni, ma coloro che si decidono per una vita contemplativa più fedele all'originario carisma teresiano (era ciò che il Concilio auspicava) vengono derise e pressate a passare dalla parte delle monache modernizzate. Non si parli poi dei frati carmelitani teresiani: non si capisce bene dove è finita l'identità contemplativa del carisma. Si vuole recuperare l'aspetto di fraternità nei conventi teresiani ma a discapito della vita ritirata o eremitica.
Queste ed altre domande suscitano il passaggio dell'Urna della grande Teresa di Lisieux che pare che dica: fratellini, più coerenza e più amore per il carisma teresiano!
un terziario ocd

Daniele ha detto...

È così in tutti gli altri Ordini. Tranne che nei Francescani dell'Immacolata.