lunedì 8 febbraio 2010

Palermo: forma straordinaria all'Immacolatella per la Candelora.

.



Martedì 2 Febbraio 2010 alle ore 17.00

Oratorio dell'immacolatella
via immacolatella 1
Palermo

SANTA MESSA NELLA FORMA STRAORDINARIA
in festo Purificationis B.V.Mariae


Celebra il Rev.do
Sig. ANDREA DI PAOLA
Cappellano Militare



Verrà eseguita la benedizioni delle candele e poi seguirà la Santa Messa.


Photo (C) 2010 F.C. - all rights reserved.

21 commenti:

Anonimo ha detto...

Spero che questo cappellano militare celebri più spesso more antiquo

Anonimo ha detto...

ormai don andrea è sulla strada giusta, grazie al gruppo di supporto che gli sta a fianco, potrà solo incentivare nella celebrazione "more antiquo"
F. C.

bedwere ha detto...

Come vanno le cose alla parrocchia San Basilio Magno? L'ho visitata nel gennaio dell'anno scorso.

Anonimo ha detto...

La Chiesa è in costruzione, il parroco ha ottenuto il decreto di proroga per altri 9 anni e momentaneamente siamo ospiti dalle suore del Buon pastore, Santa Messa tradizionale ore 12,00, e lavoriamo per fare crescere il gregge dei fedeli ed i pastori che lo devono guidare.

F. C.

Anonimo ha detto...

Aspettiamo foto e video della celebrazione

Anonimo ha detto...

purtroppo di foto e video non ne abbiamo fatti, mi riservo di farle per le ceneri.
F.C.

Anonimo ha detto...

.... errore, le foto ci sono ed adesso le mando al blog....
F.C.

Daniele ha detto...

La riforma del 1960 (che vuole paramenti bianchi e non viola alla benedizione delle candele), evidentemente, a Palermo non è ancora arrivata.

Anonimo ha detto...

Mi sembra che i paramenti debbano essere viola alla benedizione e alla processione e bianchi per la S. Messa. Ritengo quindi che abbiano rispettato le norme.
Saluti.
C.

Anonimo ha detto...

Ho verificato meglio e mi sono accorto di aver scritto una sciocchezza... I paramenti sono prescirtti bianchi anche per la benedizione e la processione!
Scusate.
C.

Anonimo ha detto...

Ci risiamo !
La voglia di criticare viene messa prima delle congratulazioni per una così bella e riuscita Liturgia!
Dobbiamo congratularci, ringraziando la Divina Provvidenza, perchè gli sforzi degli organizzatori hanno sortito un buon risultato.
Poi dobbiamo ringraziare gli organizzatori pere aver letto le parole dell'allora Cardinale Ratzinger "In ricordo di ciò, la processione cristiana si teneva dapprima in vesti nere e poi – fino alla riforma liturgica del Concilio – viola. Così nella processione compariva ancora una volta il simbolismo dell’incontro.
...La processione delle luci, con le vesti scure, l’incontro simbolico che vi si verifica del caos e della luce, dovrebbe ricordarci questa verità e darci il coraggio, nello sforzo di migliorare il mondo, di non considerare il soprannaturale come una perdita di tempo,ma come l’unica via che può dare un senso al caos ". "Le cose di lassù"
Bravi i nostri nobilissimi amici di Palermo : ad majora quotidie !
A.C.

Anonimo ha detto...

sulla questione dei colori dei paramenti mi informerò con i nostri cerimonieri (persone vi assicuro molto competenti, merce molto, ma molto, rara in questo mondo.
Di sicuro sono molto belli e ben conservati dalla "Compagnia della Immacolata Concezione" fondata nel settembre del 1575 per voto del Padre Giuseppe Maria Mandria dei Frati minori conventuali.
La seconda più antica ancora esistente, che ha sede in questo bellissimo oratorio stuccato da Procopio Serpotta, figlio del più noto Giacomo.
Dal Motu Proprio un ristretto gruppo di volenterosi stanno a poco a poco incrementando le attività dentro l'oratorio cercando nuovi confrati sensibili alla liturgia di sempre, merce rara, molto rara.

F.C.

Anonimo ha detto...

.... da Settembre fino alla vigilia dell'Immacolata, ogni sabato si recita l'Uffizio della Beata Vergine, dallo scorso anno si è aggiunto la recita della via crucis nei venerdi di quaresima ed il Giovedi si fa la veglia con canti gregoriani e preghiere, dopo decenni si è tornati a partecipare alla processione cittadina dell'Immacolata, si è ripreso a celebrare la Novena, ora la Candelora, il 17 febbraio si faranno "le ceneri" qualche fedele sta ragiondo con il proprio cuore la vocazione, tutti i preti che passano da Palermo sono ospiti graditi della Confraternita, in Primis Padre Joseph Luzuy, e qui mi fermo. Sono granelli di sabbia che vengono aggiunti uno ad uno sopra l'altro, i quali ad oggi si sommano con i precedenti e non diminuiscono, compresi i fedeli.
Ringrazio A. C. per il sostegno.
F.C.

Anonimo ha detto...

Purtroppo la distanza da Palermo, anche se vivo nella Sicilia sud orientale crea problemi a parteipare attivamente.
Però si potrebbe creare una sorta di Associazione dedicata all'Immacolata per tutti.

Anonimo ha detto...

Stavo riguardando meglio le foto di ieri : sono stupende !
Bellissima la chiesa, non potrebbe essere altrimenti visto che si trova nella meravigliosa Palermo, e meravigliosi i paramenti !
La pianeta è stupenda !
Un domanda agli amici palermitani : nella cantoria c'è anche l'Organo ?
Non si vede nelle foto.
Complimenti per tutto: giovani il Celebrante e i ministranti !
D'estate, visto che la Sicilia è il sogno dei sogni per gli amanti dell'arte, Vi verremo a trovare...
Buona giornata ( noi nelle Marche stiamo a meno 2 , sic ! )
Andrea Carradori, infreddolito in corpore ma elevato in spiritu ( grazie a queste belle testimonianze che vengono da ogni parte dell'italico suolo )

Daniele ha detto...

Guardate che la mia era solo una battuta. Errare humanum.

Quanto alle norme liturgiche circa il colore dei paramenti alla benedizione e processione delle candele, basti citare le Rubricae generales del 1960 (confluite nell'editio typica del 1962):

"Adhibetur color albus in Officio et Missa de festis: [...] B. Mariae Virg., etiam in benedictione et processione candelarum die 2 februarii" (Rubr. gen. 120, b).

Disposizione che risulta confermata dalla rubrica particolare del Messale ad locum:

"Sacerdos indutus pluviali albo, vel sine casula, cum ministris similiter indutis".

È vero, d'altra parte, che prima della riforma del 1960, alla benedizione delle candele (non però alla Messa) si usava il viola. L'errore, quindi, può starci. Qui si tratta solo di correggerlo.

Anonimo ha detto...

O di ignorarlo volutamente (con buona pace di Bugnini, dei suoi inattesi seguaci odierni e di quanti come lui, già a quel tempo, cercavano di confondere le idee al Santo Padre con riforme e riformine che preludevano allo "sfascio" liturgico post-conciliare).

Daniele ha detto...

Bugnini non fece parte della Commissione incaricata da Giovanni XXIII di rivedere le rubriche. Come del resto dimostrano i risultati, assai meno "invasivi" della riforma della Settimana Santa avvenuta cinque anni prima.

Anonimo ha detto...

La cantoria è fornita di Organo per il quale si sta provvedendo a trovare il finanziamento per il restauro.
F.C.

Anonimo ha detto...

Se non è invasivo buttare a mare secoli di tradizione ininterrotta che raffigura l'ipapante nelle vesti prima viola e poi bianche...

Anonimo ha detto...

Che bello aver usato questo sostantivo antichissimo " ipapante" ( ho dovuto consultare a questa ora il dizionario ecclesiastico...)
Buona giornata a tutti ( sono più "ricco" : conosco un nuovo sostantivo ecclesiastico )
A.C.