mercoledì 28 ottobre 2009

Norcia: professione solenne per i Benedettini del Summorum Pontificum.

I nostri amici di Norcia, i Benedettini dell'"utroque usu", hanno festeggiato la professione solenne di un loro confratello.

.
.
Il 6 ottobre scorso, Frater Giovanni McKenzie ha professato i suoi voti solenni a Norcia. Come sempre, la Messa includeva la sepultura mistica e la risurrezione con il Suscipe, la litania e il canto dei voti. Questa volta, però, la Messa è stata celebrata nella forma Straodinaria della liturgia (1962), ovvero in forma solenne. Musica, radio e il coro polifonico di Perugia, che canta per noi nelle occasioni speciali, questa volta ha scelto una bellissima Messa di un compositore poco conosciuto, Ludovico Grossi da Viadana (1560-1627).

Ospiti speciali presenti erano l’Abbate di Grottaferrata con alcuni dei Suoi monaci, l’Arciprete di Norcia, sacerdoti degli Stati Uniti e dell’Italia, studenti della Casa Balthazar di Roma e, più importante, gli zii e il fratello di Frater Giovanni. Dopo la Messa, nel cortile si è tenuto un rinfresco divertente. Ospiti e monaci insieme sono stati felici di partecipare al rito solenne della professione. La forma Straodinaria della Messa ha aggiunto una sottile bellezza al rito già di per sé misterioso.
(padre Benedetto)

Fonte

1 commento:

Anonimo ha detto...

"...di un compositore poco conosciuto, Ludovico Grossi da Viadana (1560-1627)."
O Gesù d'amore acceso!
Capisco che venda meno dischi di un giovane "compositore" romano, ma poco conosciuto nell'ambito della musica sacra è una affermazione veramente infelice!
AndreasHofer