venerdì 18 settembre 2009

Domenica delle Palme anno Domini 1967, Cappella Sistina, Vaticano.

.


di Daniele Di Sorco

Interessantissimo filmato (per vederlo fare clic qui) di una rete televisiva francese che, ammessa par privilège exceptionnel nella Cappella Sistina, mostra la suggestiva cerimonia della consegna dei rami svoltasi la domenica delle Palme (23 marzo) del 1967.

Privilegio che a posteriori appare non eccezionale, ma eccezionalissimo, poiché documenta una "ultima volta". Nel 1967, infatti, il rito della consegna dei rami si svolse, salvo qualche piccola variazione (i cerimonieri usano un rocchetto senza pizzo e senza pieghettatura e non vi sovrappongono la cotta; il Papa porta la ferula; manca il baldacchino sull'altare e sul trono), secondo il secolare cerimoniale della corte papale. L'anno dopo, con la riforma delle vesti prelatizie e della famiglia pontificia, tutto sarebbe radicalmente cambiato.

Ecco la descrizione della cerimonia fatta dal Caeremoniale Apostolicum o Romanum di Agostino Patrizi (edizione curata e commentata da G. Catalani: Sacrarum caeremoniarum sive rituum ecclesiasticorum Sanctae Romanae Ecclesiae libri tres..., tom. II, Romae 1751, pp. 142-143).

Sexta dominica Quadragesimae, quae Palmarum appellatur, ordinentur palmae in capella benedicendae et distribuendae, videlicet duo magnae variis floribus et perpulchre elaboratae, tertia parva simili modo ornata et laborata pro Pontifice; aliae palmae primis duabus minores etiam pulchrae elaboratae, sine floribus tamen, pro Cardinalibus; minores pro Praelatis et pro oratoribus et magnis nobilibus, pro officialibus ac aliis omnibus ad capellam venientibus. Deficientibus palmis, parantur rami olivarum in numero copioso, crucibus ex foliis palmarum confectis singulis alligatis. Item credentiarii Papae ordinent super angulo altaris capellae, ubi benedictio palmarum fieri debet, duo vasa convenientia pro lavandis manibus Papae cum mantili et gremiali ac medulla panis. Clerici Capellae praeparent thuribulum cum navicella, cocleari, incenso, vas aquae benedictae cum aspersorio et duo candelabra cum luminaribus. Paretur etiam per forerios ad ostium capellae baldachinum.

Hora deinde convenienti Pontifex, paratus amictu, alba, cingulo, stola violacea, pluviali rubro et mitra simplici, praecedentibus cruce ac Cardinalibus et aliis more solito, venit ad capellam, ubi palmae sunt benedicendae. Facta oratione ante altare, ascendit ad solium sedetque. Tunc Cardinales veniunt ad reverentiam cum cappis; deinde capiunt paramenta sua violacea, ut supra in candelis et cineribus diximus, et similiter omnes Praelati et officiales.

Omnibus paratis, Papa, deposita mitra, surgit et, ministrantibus duobus Episcopis assistentibus librum et candelam more solito, Papa stans benedicit palmas, incipiens versum Dominus vobiscum. Oremus. Auge fidem in te sperantium, Deus, etc., cum praefatione et quinque orationibus sequentibus. Interim nihil cantatur. Cum quinta oratio dicitur, prior Presbyterorum Cardinalium venit ad dexteram Papae, et duo acolythi, unus cum thuribulo et navicella, et alius cum aspersorio et vase aquae benedictae. Finitis orationibus, ministrante priore praedicto, Papa adhuc stans sine mitria, imponit incensum, deinde aspergit versus palmas tertio, postea incensat, ter ducens thuribulum; tum dicit Dominus vobiscum et aliam orationem, quae incipit Deus, qui Filium tuum, etc. Tum sedens accipit mitram, et Presbyter Cardinalis ac acolythi ad sua loca revertuntur.

Accedit deinde prior Episcoporum Cardinalium; stans detecto capite ante Pontificem, illi dat duas magnas palmas, quas Pontifex dat duobus nobilioribus Curiae tenendas et deferendas, qui iuxta Pontificem hinc et inde collocantur. Deinde dat eidem tertiam minorem, qua Pontifex in officio utitur; et hanc unus ex Cubiculariis secretis servat; et ad unumquamque palmam ipse prius osculatur palmam et manum Pontificis. Incoepta distributione palmarum, cantores dicunt antiphonam Pueri Hebraeorum, prout in Ordinario. Palmas ministrant Clerici Camerae Camerario, vel eius Vicecamerario, qui eas det Diacono Cardinali ad illam Papae manum assistenti, ad quam positae sunt palmae; et duo Auditores accedunt, quorum dignior mappulam pro gremio Pontificis, quam a credentiariis Papae accipit, Cardinalibus assistentibus porrigit, qui eam gremio Pontificis superponant. Auditores vero illam hinc et inde genuflexi tenent usque ad finem distributionis.

Tunc Pontifex priori Episcoporum Cardinalium dat palmam, qui, eam devote suscipiens, eius manum, deinde genu dextrum, osculatur. Idem faciunt successive omnes Cardinales. Postmodum Praelati omnes parati et omnes alii pro palmis veniunt; Praelati parati genuflexi, postquam palmas receperint, dextrum genu tantum, alii vero omnes pedem Papae osculantur. Vicecancellario, maiori Paenitentiario et Camerario Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalibus dantur duae palmae pro quolibet.

Celebrans [della Messa che segue la processione delle palme e che ordinariamente non viene celebrata dal Papa], recepta palma sua, vadit ad faldistorium prope altare, ubi, deposito paramento, accipit cappam, sedensque dicit psalmum Quam dilecta etc., capit sandalia et paratur more consueto. Si Missa in illa capella dicenda erit, in qua palmae sunt benedictae, poterit etiam prius accipere sandalia et alia paramenta, et cum habitu ordini suo congruo ire pro palma, et deinde redire ad faldisorium. Si vero in alio loco benedicuntur palmae, celebraturus, accepta palma, redit ad locum suum, ubi, deponens paramenta, accipit cappam, et vadit ad capellam vel ecclesiam, ubi rem divinam est peracturus, ibidem paramenta recipit. Ministri utuntur planetis ante pectus plicatis.

Finita distributione, Pontifex lavat manus ordine consueto, deferente aquam nobiliore laico et ministrante Episcopo Cardinali primo. Tum, deposita mitra, surgit; accedunt ad Pontificem assistentes cum libro et candela ac duo acolythi cum candelabris, et Papa stans dicit: Dominus vobiscum. Oremus. Omnipotens sempiterne Deus, prout in Ordinario. Interim ordinatur processio, et octo nobiles qui baldachinum super Pontificem portent.

Come si vede, il rito papale della benedizione delle palme non comprende le prolisse cerimonie che invece caratterizzavano il rito previsto dal Messale romano fino alla riforma della Settimana Santa del 1955. In entrambi la cerimonia di benedizione vera e propria è costituita da un'orazione introduttiva, da un prefazio, da cinque orazioni di benedizione, dall'aspersione e incensazione, e da un'orazione conclusiva. L'utilizzo del prefazio in un contesto del genere non deve stupire. Lo si ritrova in quasi tutti i formulari di benedizione solenne o di consacrazione riportati dal Pontificale Romanum. Soltanto nel rito di benedizione delle palme, tuttavia, esso è seguito, come alla Messa, dal Sanctus.

La spiegazione di questo fenomeno va cercata nel fatto che le cerimonie che nel Messale romano precedono la benedizione delle palme corrispondono quasi esattamente alla parte didattica della Messa. Esse infatti comprendono un'antifona, assimilabile all'Introito (anche se manca del versetto salmodico e non viene ripetuta), un'orazione, un'Epistola (Ex. 15, 27; 16, 1-7), due graduali a scelta (la rubrica specifica: "deinde canitur pro graduali") e un Vangelo (Mt. 21, 1-9) con le cerimonie che lo precedono. Poiché l'orazione introduttiva della benedizione delle palme tiene, come posizione, il posto dell'Offertorio, dovette apparire naturale far seguire il prefazio dal Sanctus, il cui testo peraltro offre un esplicito richiamo (Mt. 21, 9) all'entrata trionfale di Gesù in Gerusalemme commemorata dalla liturgia del giorno. Si trattava, in poche parole, di una Missa sicca, ossia di una funzione che prevedeva la recita di certe preghiere della Messa senza però offertorio, né consacrazione, né comunione. Nel Medioevo la Missa sicca era molto usata come forma di devozione e lo era ancora, prima della riforma liturgica, presso i Certosini. Pare che l'inquadramento della benedizione delle palme in una funzione di questo genere sia avvenuto tra l'XI e il XV secolo (P. Radó, Enchiridion liturgicum, Friburgi Brisg. 1961, tom. II, p. 1183).

È probabile dunque che il cerimoniale della cappella papale rifletta nella struttura l'uso romano primitivo, di derivazione gallicana, introdotto nell'Urbe intorno all'XI secolo e ancora privo delle amplificazioni tardomedievali. All'essenzialità del rito descritto nel Caeremoniale Apostolicum deve essersi ispirata la riforma della funzione delle palme promulgata nel 1955, che però ha soppresso l'orazione introduttiva, il prefazio col Sanctus, quattro delle cinque orazioni di benedizione e l'orazione conclusiva, mentre della Missa sicca ha conservato l'antifona di apertura e il canto del Vangelo, quest'ultimo, peraltro, già presente nel rito osservato in Gerusalemme nel VI secolo e descritto nella Peregrinatio Aetheriae ("Et cum coepit esse hora undecima, legitur ille locus de Evangelio, ubi infantes cum armis vel palmis occurrerunt Domino dicentes: Benedictus qui venit in nomine Domini". Peregrinatio, c. 30, 31).

È da notare che il rito papale non fa menzione del canto del Sanctus prescritto dal Messale romano dopo il prefazio. Il commentario del Catalani al Caeremoniale Apostolicum non ci fornisce ulteriori informazioni su questo punto, ma poiché dà per scontato che nel rito del Messale romano il prefazio fosse seguito dal Sanctus ("Porro iuxta ordinem Missalis romani, finita praefatione quae incipit Qui gloriaris in consilio Sanctorum tuorum, etc., et dictis aliis quinque orationibus..." p. 144), e poiché le parole finali di tale prefazio ("hymnum gloriae tuae concinunt, sine fine dicentes") richiedono di essere seguite dal Sanctus, è certo che questo doveva aver luogo anche nel rito papale, nonostante il Caeremoniale Apostolicum non ne faccia esplicita menzione.

Se confrontiamo il filmato del 1967 col rito descritto nel Caeremoniale Apostolicum, notiamo alcune importanti divergenze che vanno oltre le piccole variazioni rilevate all'inizio di questo contributo.

La più vistosa consiste nel fatto che il Papa non benedice la palme all'inizio della funzione, ma, dopo il suo ingresso nella cappella, si limita a distribuirle. Tale prassi corrisponde ad un uso della curia romana più antico di quello riportato dal Caeremoniale Apostolicum. Catalani, infatti, nel suo commentario, cita diversi Ordines romani, dai quali apprendiamo che nel tardo Medioevo le palme venivano prima benedette da un Cardinale e poi distribuite dal Papa. In particolare l'Ordo Romanus XV, risalente al XIV secolo e quindi non molto anteriore alla redazione del Caeremoniale Apostolicum, descrive così la funzione delle palme nella curia pontificia:
Illa die non fit sermo, quia die illa, secundum dominum Iacobum Gaietani [autore dell'Ordo Romanus XIV], iunior Presbyter Cardinalis debet benedicere palmas olivarum et aliarum arborum ramos, indutus prout in die Cinerum, cum aqua benedicta et incenso; quibus benedictis, deponit paramenta, si celebrare non debet. Et Dominus Papa bono mane celebrat Missam suam in capella sua secreta, qua dicta, indutus pluviali rubeo sine perlis et mitra simplici alba de garnello sine aurifrisiis et perlis, intrat capellam vel locum in quo debent distribui palmae, ubi debet esse cathedra cum scaello parata, et ibi sedet.
A questa forma più antica del rito papale, che affida a un Cardinale la benedizione e al Papa la distribuzione delle palme, pare essersi attenuto Paolo VI nella funzione del 23 marzo 1967.

Altra variazione di non poco conto è che i Cardinali non sono parati, non indossano cioè i paramenti distintivi di ciascun ordine cardinalizio (piviale per i Cardinali Vescovi, pianeta per i Cardinali Preti, dalmatica per i Cardinali Diaconi), ma portano la cappa magna. Tale modifica è analoga a quella introdotta nel rito pontificale in seguito alla riforma della Settimana Santa del 1955. Fino ad allora, infatti, ai canonici che assistevano alla benedizione e alla distribuzione delle Palme da parte del proprio Vescovo era prescritto di indossare i paramenti ("Episcopus... capiet paramenta, et pariter Canonici". Caeremoniale Episcoporum, ed. typica 1886, II, XXI, 4). Dopo la riforma, invece, i paramenti furono rimpiazzati dall'abito corale ("Unusquisque suis choralibus vestimentis induitur". Ritus pontificalis Ordinis Hebdomadae sanctae instaurati, ed. typica 1957, Dom. II Passionis seu in Palmis, cap. I, n. 5). Questo spiega perché nel filmato i Cardinali, diversamente da quanto indicato nel Caeremoniale Apostolicum, assistano alla funzione col proprio abito corale, che nelle cappelle papali comprende sempre la cappa magna.

Si noti, inoltre, che all'inizio della funzione il Papa non riceve nessun ramo di palma, ma procede immediatamente alla distribuzione. La ragione è ancora da ricercarsi nella riforma del 1955, che abolì la cerimonia di consegna della palma al celebrante, prevista sia dal rito pontificale che sacerdotale ("Tunc dignior ex Canonicis praebet ei [cioè al Vescovo] palmam pulchriorem". Caeremoniale Episcoporum, II, XXI, 6. "Dignior ex clero accedit ad altare et dat ramum benedictum celebranti". Missale Romanum, Dom. in Palmis. L'abolizione è riportata in termini espliciti nel Ritus pontificalis cit., Dom. II Passionis seu in Palmis, cap. I, n. 13: "Episcopo tamen ramus benedictus non offertur").

Sempre alla riforma della Settimana santa della seconda metà degli anni Cinquanta si devono altre tre modifiche di minor conto: al termine della distribuzione delle palme il Papa indossa, al posto della mitra semplice, la mitra preziosa, prescritta dal nuovo rito pontificale per la processione ("Episcopus, ad processionem, utitur mitra pretiosa". Ritus pontificalis, Dom. II Passionis seu in Palmis, cap. I, n. 2); mancano i due accoliti incaricati di sorreggere un grembiule sulle ginocchia del Papa, previsti dal Caeremoniale Episcoporum (II, XXI, 6) ma non dal Ritus Pontificalis del 1957; infine, se il filmato fosse a colori, si noterebbe che la stola violacea è stata rimpiazzata dalla stola rossa, poiché, in seguito alla riforma, la funzione delle palme doveva essere celebrata in paramenti rossi ("Color paramentorum est rubeus". Ritus pontificalis, Dom. II Passionis seu in Palmis, cap. I, n. 2) e non più violacei, come avveniva fino ad allora.

(C) 2009 Rinascimento Sacro - all rights reserved.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Il papa non porta la ferula ma quella croce bruttissima archiviata da Benedeto XVI, la ferula è il bastone pastorale del papa con la croce con tre tagli orizzontali. Usata l'ultima volta da Giovanni Paolo II al suo primo giubileo non quello del 2000, ma quello straordinario

Daniele ha detto...

"Ferula papalis baculus est cum parva cruce in parte superiori, eaque utitur Papa quando ad litanias personas seu res benedicere debet, veluti in consecratione episcoporum vel in aperitione concilii oecumenici vel ad alphabeta in ecclesiarum consecratione scribenda... Ferula nunc in usu Pio IX data est occasione iubilaei sui episcopatus... altitudinis est 150 centimetrorum cum hasta horizonatali 32 cent." (J. Nabuco, Ius Pontificalium, Tornaci 1956, p. 204).

La ferula papale, quindi, è sormontata da una croce semplice (a braccio unico). Fino a Giovanni XXIII non aveva il Crocifisso e il suo uso era circoscritto alle funzioni in cui il celebrante non poteva fare a meno del bastone pontificale (ad esempio le consacrazioni episcopali). Paolo VI, dopo i primi anni di pontificato, introdusse una nuova ferula munita di Crocifisso e ne estese l'utilizzo a tutte le circostanze in cui i Vescovi residenziali adoperano il pastorale. Tale è la prassi seguita anche dall'attuale Pontefice, il quale però, da qualche tempo a questa parte, ha sostituito la ferula di Paolo VI con la ferula di foggia tradizionale in uso fino a Giovanni XXIII.

Rev. Dr. Athanasius D. McVay, HED ha detto...

Ma prima di 1968, il Papa avrebbe portato comunque rosso e non viola, uno dei due soli colori papali. Rosso per penitenza, come nel uso antico bizantino.