martedì 6 ottobre 2009

Bologna: al Cuore Immacolato di Maria le preghiere "straordinarie" dell'Emilia Romagna.

.
.

.
.
Sabato 3 Ottobre 2009

Santuario della Beata Vergine di San Luca
Bologna

PELLEGRINAGGIO MARIANO
dei fedeli dell'Emilia Romagna che si avvalgono del motu proprio «Summorum Pontificum»

ore 9.00
ritrovo in località Meloncello e processione a piedi fino al santuario,
recitando il Santo Rosario (per chi può camminare)

ore 10.30
SANTA MESSA SOLENNE NELLA FORMA STRAORDINARIA

Al termine
Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria

delle comunità di fedeli dell'Emilia Romagna che partecipano alla S. Messa Gregoriana.

Per l'occasione sarà presentato al Santo Padre un bouquet spirituale di 10.000 Rosari secondo le intenzioni del Papa stesso e 1000 ore di Adorazione Eucaristica per le vocazioni sacerdotali e religiose nelle rispettive diocesi.

***

Intervista a don Alfredo Morselli
parroco di Stiatico e Casadio


di Antonio Gaspari

ROMA, mercoledì, 23 settembre 2009 (ZENIT.org).- I quattro sacerdoti che celebrano la “Messa gregoriana” a Bologna, per incarico del loro Arcivescovo, il Cardinale Carlo Caffarra, hanno promosso - insieme a diversi gruppi dell'Emilia Romagna - un pellegrinaggio regionale al Santuario della Beata Vergine di San Luca, a Bologna, per sabato 3 ottobre prossimo.

Il pellegrinaggio, che prevede la salita per il lungo portico del santuario recitando le tre corone del Santo Rosario (partenza in località Meloncello alle ore 9), si concluderà con la S. Messa (inizio ore 10.30) e la consacrazione dei fedeli stessi al Cuore Immacolato di Maria. Verrà offerto al Santo Padre un bouquet spirituale di 10.000 Rosari e 1000 ore di adorazione eucaristica.

Informazioni più dettagliate si possono trovare sul sito "Hanc Igitur".

Per meglio conoscere obiettivi e finalità de pellegrinaggio, ZENIT ha intervistiato uno dei promotori, don Alfredo Morselli, parroco di Stiatico e Casadio, diocesi di Bologna.

Perché questa iniziativa?

Don Alfredo: Questa iniziativa è soprattutto un atto di devozione alla Madonna da parte dei fedeli che usufruiscono del motu proprio «Summarum Pontificum»: dobbiamo innanzi tutto farci santi e salvare la nostra anima: adattando le parole di Gesù, possiamo dire: "Che giova, infatti, all'uomo avere liberalizzata la Messa gregoriana, se poi perde la propria anima?": siccome - come dice il Montfort - la devozione a Maria è "via facile, breve, perfetta e sicura per giungere all'unione con Nostro Signore nella quale consiste la perfezione del cristiano" (Vera devozione, 152), eccoci tutti a rifugiarci sotto la portezione della Vergine Santissima.

Cosa intendete per consacrazione al Cuore Immacolato di Maria?

Don Alfredo: San Giovanni ci dice che - raccogliendo l'invito del Salvatore morente - accolse "con sé" la Madonna (Gv 19,25); le parole greche tradotte "con sé", cioè "eis ta idia", indicano il cuore del discepolo: san Giovanni non prese solo la Madonna a casa sua, ma la accolse nel suo cuore come preziosa eredità del Maestro. Se potè fare tanto il discepolo, quanto più non lo fa continuamente la Madre? Ci accoglie e ci rigenera come cristiani "eis ta idia", nel suo Cuore Immacolato: accettiamo riconoscenti questo benedetto grembo della nostra rinascita cristiana! Dichiariamo che il Cuore Immacolato di Maria è l'atmosfera della nostra vita soprannaturale: il "nostro rifugio", come ha detto la Madonna a Fatima. E' provvidenziale che questo pellegrinaggio si svolga nella diocesi che fu retta dal Card. Lercaro, che tanto si prodigò perché, esattamente 50 anni fa, l'Italia fosse consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Avete rimarcato lo spirito di riparazione di questo pellegrinaggio: di cosa si tratta?

Don Alfredo: Anche qui niente di speciale o di qualcosa riservato ai cosiddetti "tradizionalisti": come dice la colletta della festa del Sacro Cuore, tutti i cristiani devono assolvere "il dovere di una giusta riparazione"; dobbiamo cioè associarci alla Passione di Cristo nell'espiare i nostri peccati e quelli di tutto il mondo. Abbiamo tratto le intenzioni particolari - per non mettere nulla di nostro -, dalla parole stesse del Papa.

Benedetto XVI ha scritto, nel vedere criticate la sua azione a favore dell'Unità della Chiesa: "Sono rimasto rattristato dal fatto che anche cattolici, che in fondo avrebbero potuto sapere meglio come stanno le cose, abbiano pensato di dovermi colpire con un’ostilità pronta all’attacco" (10-3-2009); e ancora: "La parola «fede adulta» negli ultimi decenni è diventata uno slogan diffuso. Lo s’intende spesso nel senso dell’atteggiamento di chi non dà più ascolto alla Chiesa e ai suoi Pastori... E lo si presenta come coraggio»" (28-6-2009).

Il dovere di riparare per quanto il Papa ha amaramente constatato non è una cosa riservata ai "tradizionalisti", ma è un dovere di tutti i buoni cristiani.

Vi ritenete "tradizionalisti"? Che senso date a questa parola?

Don Alfredo: Se per "tradizionalista" si intende uno che ritiene congelata l’autorità magisteriale della Chiesa all’anno 1962, o persona attaccata delle forme in senso puramente estetizzante, niente è più lontano da noi. Se invece si intende che la fede non è un prodotto del pensiero del singolo, ma un assenso a qualcosa che prima la Chiesa riceve da Dio nel suo cuore, e poi, amando, "trasmette" ("tradit", da cui "tradizione"), allora il termine è pertinente a tutti i cattolici: ed è in questo senso che San Pio X diceva che i cattolici tout-court sono tradizionalisti (Cf. Enc. "Il fermo proposito")

Il pellegrinaggio è aperto a tutti i fedeli o solo a quelli che si avvalgono del motu proprio “Summorum Pontificum”?

Don Alfredo: Il pellegrinaggio è apertissimo a tutti: il Papa ha detto a chiare lettere che le due forme del rito romano devono coesistere insieme, e per coesistere - non da "separati in casa" - ci vuole una conoscenza reciproca e una mutua pre-comprensione favorevole. Spero proprio che partecipino tanti che, impressionati da un clima non favorevole, purtroppo hanno concepito timore nei confronti delle aperture del Santo Padre, e capiscano che niente è più infondato che temere una vera pace liturgica.

Come verranno organizzati i rosari e le ore di adorazione eucaristica?

Don Alfredo: I fedeli che vogliono, fanno sapere agli organizzatori quanti Rosari hanno recitato e quante ore di Adorazione hanno svolto; quando raggiungeremo circa 10.0000 Rosari e 1000 ore di Adorazione Eucaristica, informeremo il santo Padre. Vorrei far notare che le ore di Adorazione sono offerte per le vocazioni sacerdotali nelle rispettive Diocesi, perché i fedeli che assistono alla S. Messa gregoriana amano le proprie chiese particolari e i propri Pastori, nonostante tante opposizioni locali. Non è un segreto che il Motu proprio trovi spesso tanti ostacoli (non certo a Bologna): ciò non ci impedisce di amare le nostre diocesi.

L’appello per il pellegrinaggio è stato avanzato anche ad altre associazioni o gruppi ecclesiali?

Don Alfredo: L'appello è rivolto a tutti, e più di "tutti" non si può: anzi, saremmo contenti che venisse anche qualche non battezzato: chissà che non succeda qualcosa come a Hermman Cohen (1821-1871), che completò la sua conversione proprio dopo aver partecipato a una Messa: «A poco a poco - egli narrò al P. Ratisbonne -, i canti, le preghiere, la presenza - invisibile e pur sentita da me - d'una potenza sovrumana, cominciarono ad agitarmi, a turbarmi, a darmi un tremito; in una parola, la grazia divina si compiacque di colpirmi con tutta la sua forza. Al momento dell'elevazione, tutt'a un tratto, sentii esplodere, attraverso le mie pupille, un diluvio di lagrime che non cessarono di sgorgare con una copia voluttuosa sulle mie gote in fiamme... o momento indimenticabile per la salute della mia anima!» Hermann Cohen divenne poi Padre Agostino Maria del SS.mo Sacramento ...

Fonte Zenit © Innovative Media, Inc.


Si ringrazia A.M. - Photo da Messainlatino.it

3 commenti:

Anonimo ha detto...

bellissima iniziativa e bella intervista. Mi colpisce la testimonianza finale di Hermann Cohen. Chissà se oggi avrebbe - nelle liturgie "ordinarie" - vissuto la stessa esperienza o avrebbe preferito un disco-pub!

Anonimo ha detto...

Avanti tra le Due Colonne con zelo e preghiera. Al resto pensa la Provvidenza.

Per diffondere l'iniziativa puoi scaricare un volantino PDF su http://www.webalice.it/ingcom/avvisi_file/SanLuca.html
Per partecipazioni organizzate dalla Romagna contattare il sito ALMA PREX (ingcom@alice.it) oppure il sito Cenacolo SS Trinità di Rimini (info@cenacolodellasantissimatrinitarimini.it)

Anonimo ha detto...

Ma quella che si vede nelle immagini è una Messa solenne? non sembra.